Tenebra

l mio primo colloquio con il direttore fu curioso. Non mi invito’ a sedere dopo la camminata di venti miglia di quella mattina. Aveva carnagione, lineamenti, modi e voce banali. Era di statura media e di corporatura normale. Gli occhi, del solito azzurro, erano forse particolarmente freddi e certo sapeva far cadere sguardi penetranti e grevi con una scure. Ma persino in quei momenti il resto della sua persona sembrava sconfessare l’intenzione. Altrimenti aveva sulla labbra solo un’espresssione indefibile, un po’ furtiva – un sorriso – no, non un sorriso – la ricordo, ma non riesco a definirla. (…) Era ubbidito, eppure non ispirava amore né paura e neppure rispetto. Ispiava disagio. Ecco! Disagio. Non una diffidenza precisa – solo disagio – niente di più. Non avete idea di quanto possa essere efficace una… una … facoltà del genere. Non aveva nessuna dote per l’organizzazione, l’iniziativa e perfino l’ordine. Come dimostrava chiaramente lo stato deplorevole della stazione.

Conrad “Cuore di tenebra”

Advertisements

Vera

More about Vera

Un libro su come certe persone, apparentemente colme di buone intenzioni, ma in realta’ profondamente egoiste, finiscono per schiacciarne altre, piu’ deboli. Inquietante.