Fiore

2012-05-03_17

un fiore in giardino

Advertisements

Dissipare

Ci sono persone cosi’, persone dotate di un meraviglioso talento ma che, non riuscendo a compiere lo sforzo necessario per dargli una forma, finiscono per dissiparlo. Ne ho viste, sai? Negli anni. All’inizio ti lasciano a bocca aperta. (…) Roba che a guardarli ti senti piccolo piccolo. Pensi di non valere niente al confronto. Pero’ e’ tutto li’ non c’e’ altro. Oltre quel punto non sanno andare. Perche’? Perche’ non si sforzano di farlo. Non hanno acquisito la disciplina che ti fa compiere gli sforzi.

H. Murakami ” Norwegian wood”

La vita

C’e’ solo un dio su questa terra, e sei tu. Se il mondo non ti piace, inventane un altro e non permettere ad alcun dolore di farti scendere dalla tua nuvola. La vita sorride a chi sa renderle pan per focaccia

Yasmins Khadra “Quel che il giorno deve alla notte”

Un’altra strada

Eppure, basta distrarre per un attimo l’attenzione dal proprio vicolo cieco per intravedere un’altra strada, nuova di zecca, e cosi’ misteriosa che ti sorpendi a sognare.
Y. Khadra “Quel che il giorno deve alla notte”

Tenebra

l mio primo colloquio con il direttore fu curioso. Non mi invito’ a sedere dopo la camminata di venti miglia di quella mattina. Aveva carnagione, lineamenti, modi e voce banali. Era di statura media e di corporatura normale. Gli occhi, del solito azzurro, erano forse particolarmente freddi e certo sapeva far cadere sguardi penetranti e grevi con una scure. Ma persino in quei momenti il resto della sua persona sembrava sconfessare l’intenzione. Altrimenti aveva sulla labbra solo un’espresssione indefibile, un po’ furtiva – un sorriso – no, non un sorriso – la ricordo, ma non riesco a definirla. (…) Era ubbidito, eppure non ispirava amore né paura e neppure rispetto. Ispiava disagio. Ecco! Disagio. Non una diffidenza precisa – solo disagio – niente di più. Non avete idea di quanto possa essere efficace una… una … facoltà del genere. Non aveva nessuna dote per l’organizzazione, l’iniziativa e perfino l’ordine. Come dimostrava chiaramente lo stato deplorevole della stazione.

Conrad “Cuore di tenebra”